venerdì 24 gennaio 2014

I migliori 41 SEO Tools Gratuiti


Se hai modo di lavorare sia in Italia che all'Estero, ti rendi facilmente conto di come sia diversa la concezione e l'approccio delle diverse culture alla rete e di come in Italia il luogo comune che "su internet deve essere tutto gratis" faccia sempre la sua bella parte da padrone nella testa degli internauti.

Ho cercato più volte di sfatare questo mito, non perchè gratis sia sempre sinonimo di scarsa qualità, ma per il semplice motivo che non bisogna fare di tutta l'erba un fascio e trasmettere un messaggio sbagliato.

Sia le aziende, che i professionisti ed i consulenti devono mettersi bene in testa che su internet c'è una moltitudine di risorse, alcune gratuite, altre a pagamento, le quali hanno scopi e funzionalità molto diverse fra loro.

Come ogni consulente SEO che si rispetti, anch'io utilizzo strumenti gratuiti e altri con funzioni avanzate, specie quando ho bisogno di avere delle prestazioni un pò più potenti, cosa che conseguentemente mi porta ad scegliere le versioni a pagamento, ma in ogni caso a questo giro voglio spezzare una lancia riguardo alle versioni gratuite di alcuni strumenti che da soli possono fare la differenza nella vostra attività.

Iniziamo la lista stilata in ordine alfabetico e non in termini di utilità:


1) Anchor Text Over Optimization Tool:
http://www.removeem.com/ratios.php

Questo primo strumento che ti voglio segnalare è molto utile se sei preoccupato di essere oggetto di attenzioni da parte di Google Penguin, perchè magari hai utilizzato male i tuoi anchor text, è sufficiente digitare l'URL del tuo sito per visualizzare una relazione completa sui collegamenti che potrebbero causare dei problemi.

2) Bing Webmaster Tools:
http://www.bing.com/toolbox/webmaster

Molto simile quanto a funzioni al Google Webmaster Tools, Bing offre una suite di strumenti di ricerca e risorse per webmaster interessanti.

3) Bitly:
https://bitly.com/

Sono tante le persone usano Bitly per accorciare i propri URL, se anche tu sei su Twitter ad esempio, vedrai spesso i link accorciati, questo però ha una duplice funzione, la prima è che ti fa guadagnare spazio, che su Twitter è veramente poco, ma il vero punto di forza è la seconda, ovvero questo fantastico strumento ti permette di registrare tutti i click che avvengono sul tuo link, restituendoti delle analisi molto utili.

4) Buffer:
https://bufferapp.com/

Ottimizza la condivisione dei contenuti con il tuo pubblico sui Social Media media sfruttando il momento migliore.

5) Caption Tube:
http://captiontube.appspot.com/

Risorsa gratuita e facile da utilizzare per creare didascalie per YouTube. Aiuta l'usabilità e offre agli utenti una trascrizione leggibile.

6) CircleCount:
http://www.circlecount.com/

Google Plus sarà sempre più usato nei mesi a venire? Con questa risorsa gratuita dedicata al social di bigG potrai monitorare i tuoi seguaci ed analizzare tutte le azioni.

7) Convert Word Documents to Clean HTML:
http://word2cleanhtml.com/

Word continua ad essere uno degli strumenti di scrittura più usati, ma quando devi fare un copia incolla ti causa sempre dei notevoli problemi. Con questo bellissimo tool dai una bella "ripulita" al tuo testo e lo rendi pronto ad essere trasferito sui tuoi siti.

8) Copyscape:
http://www.copyscape.com/

Alla lista non può certo mancare lo strumento principe con il quale intercettare i contenuti che sono stati ingiustamente duplicati.

9) Easel.ly:
http://www.easel.ly/

Strumento gratuito per la creazione e la condivisione di infografiche. I modelli permettono a chiunque di creare un grafico dall'aspetto professionale.

10) Frobee Robots.txt Checker:
http://www.frobee.com/robots-txt-check

Molti file robots.txt contengono errori nascosti non facilmente visibili agli esseri umani. Eseguire il file tramite questo strumento te li farà scoprire tutti.

11) Google Keyword Planner:
http://adwords.google.com/keywordplanner

Il nuovo strumento che sostituisce a tutti gli effetti quello usato fino a pochi mesi fa per la ricerca delle parole chiave e che non ha riscosso ancora molti favori da parte del pubblico, ma che rimane comunque di vitale importanza.

12) Google Analytics:
http://www.google.com/analytics/

Utilissimo tool che non ha certo bisogno di tante presentazioni, in quanto sicuramente il più popolare fra gli strumenti di analisi ed immancabile nell'arsenale di ogni consulente.

13) Google PageSpeed Insights:
http://developers.google.com/speed/pagespeed/insights/
Strumenti, dati e approfondimenti per migliorare la velocità della vostra pagina, in modo che venga caricata velocemente su tutti i dispositivi.

14) Google Public Data:
http://www.google.com/publicdata/directory

Praticamente una vasta banca dati pubblica, Google Public Data offre un ottimo punto di partenza per la ricerca di contenuti, infografiche ed altro ancora.

15) Google Trends:
http://www.google.com/trends/

Strumento che è diventato un must per vedere le tendenze e sapere l'andamento di popolarità delle tue parole chiave.

16) Google Webmaster Tool:
http://www.google.com/webmasters/

Con la nuova interfaccia recentemente revisionata, Strumenti per Webmaster rimane una risorsa obbligatoria di strumenti diagnostici per verificare la salute dei nostri siti.

17) Infogr.am:
http://infogr.am/

Ottima risorsa gratuita che ti permette di creare facilmente grafici e visualizzazioni di dati.

18) Linkstant:
http://www.linkstant.com/

Questo utile strumento di analisi ti avvisa ogni volta che qualcuno si collega al tuo sito web, ideale per la raccolta di informazioni.

19) MailTester.com:
http://mailtester.com/

Devi inviare una mail ad un indirizzo nuovo che non hai ancora testato e vuoi azzerare il rischio di spam? Controlla prima con il tester mail per verificare.

20) MozCast:
http://mozcast.com/

Vuoi sapere se Google sta testando il suo algoritmo in questa settimana? MozCast ti dà un bollettino meteorologico quotidiano per tenere traccia delle modifiche nelle SERP.

21) Panguin Tool:
http://www.barracuda-digital.co.uk/panguin-tool/

Questo fantastico strumento si connette con i tuoi account di Google Analytics per aiutarti a vedere se e quando siete stati colpiti dagli aggiornamenti degli algoritmi di Google.

22) SEO Toolbar:
http://tools.seobook.com/seo-toolbar/

Uno degli strumenti più popolari disponibili, la barra degli strumenti SEO mette un sacco di informazioni a portata di mano.

23) SharedCount:
http://www.sharedcount.com/

Vuoi sapere come ogni pezzo di contenuto viene condivisa socialmente attraverso i principali servizi? Questo è lo strumento da utilizzare.

24) Sitemap Generators:
http://bit.ly/19D3XRa

Google offre una serie di generatori di sitemap. La maggior parte di questi vive sul server e genera automaticamente nuove sitemap.

25) Social Mention:
http://www.socialmention.com/

Social Mention offre una ricerca in tempo reale sui social media. Immetti un termine di ricerca e vedi chi ne parla in questo momento.

26) Ubersuggest:
http://ubersuggest.org/

Come ogni SEO anch'io amo Ubersuggest per la sua facilità d'uso e la ricchezza di idee di ricerca di parole chiave. Utilizzando la potenza di Google Suggest, avrai centinaia di potenziali risultati.

27) Wayback Machine:
http://archive.org/web/web.php

Vuoi vedere la storia del tuo sito web o il sito di un concorrente? La Wayback Machine permette di tornare indietro nel tempo e tenere traccia dei cambiamenti importanti.

28) WebPagetest:
http://www.webpagetest.org/

Strumento rapido e semplice per misurare la velocità di un sito web. Offre suggerimenti per migliorare le prestazioni.

29) Yoast WordPress SEO Plugin:
http://yoast.com/wordpress/seo/

Il più bello, il più utile ed il più usato plugin SEO per Wordpress, niente da aggiungere, magnifico.


30) YouTube Analytics:
https://www.youtube.com/analytics

Offre un'analisi specifica per i video di YouTube. Un must-have per gli editori video di YouTube.


Gratuiti e a Pagamento


31)  Ahrefs:
https://ahrefs.com/

Sicuramente uno degli strumenti di ricerca più popolari. Per lo più uno strumento a pagamento, ma offre alcuni dati gratuiti.

32) Followerwonk:
https://followerwonk.com/

Forse una delle cose più belle di Followerwonk è la capacità di tenere traccia dei tuoi seguaci. Utilissimo per effettuare la ricerca di nuovi follower.

33) Majestic SEO:
http://www.majesticseo.com/

Probabilmente avete visto risultati di analisi fatte con Majestic SEO un pò ovunque su internet. Grande tecnologia di scansione combinata con diverse opzioni gratuite rendono questo tool uno fra i migliori.

34) nTopic:
http://www.ntopic.org/

nTopic è uno dei pochi metodi collaudati per dare al tuo contenuto un punteggio di rilevanza e offrendo suggerimenti di parole chiave per migliorarlo.

35) Piktochart:
http://piktochart.com/

Un generatore di infografiche molto carino e facile da usare, anche da chi non ha particolare esperienza. 

36) RowFeeder:
https://rowfeeder.com/

RowFeeder consente di monitorare username sociali, hashtag e parole chiave e caricare le informazioni in Excel per un facile monitoraggio dei social media.

37) Screaming Frog:
http://www.screamingfrog.co.uk/

Un potente strumento di web crawling, con una tonnellata di caratteristiche e personalizzazioni. Un must-have per i SEO più esperti.

38) SEMrush:
http://www.semrush.com/

I dati sulle parole chiave a pagamento e organiche offerti da SEMRush è spesso incredibilmente completo. Ottimo anche per la ricerca di annunci della concorrenza.

39) Trello:
https://trello.com/

Project management e monitoraggio semplicissimo. Usato e approvato dal Moz.

40) Whois Lookup:
http://whois.domaintools.com/

Trova dati di registrazione, contatti e informazioni amministrative per ogni dominio.

41) Wistia:
http://wistia.com/

Il re dei video online, Wistia offre soluzioni SEO-friendly per il video hosting. Sia libero che con opzioni a basso costo.


Cosa ne pensi? Ne hai qualcuno che vale la pena aggiungere a questa lista?


http://www.freedigitalphotos.net/

Articolo liberamente ispirato da: http://bit.ly/1aN2hVG


venerdì 10 gennaio 2014

5 spunti di Web Marketing per il 2014

Eccoci qua con un nuovo anno appena iniziato, pieni di speranze, buoni propositi e programmi che verranno in parte rispettati (di solito minima) e in altra disattesi (la maggior parte delle volte), specie quando non si ha una visione molto chiara di come muoversi al meglio nell'imminente futuro.

Quando si parla di web marketing si sa, le previsioni non sono per niente facili, il marketing non è per sua natura una scienza esatta e le variabili in gioco sono così tante che ci vorrebbe la sfera di cristallo per poter prevedere con certezza il futuro.

Come ogni anno nuovo però ognuno ha la sua visione, basata sulla propria esperienza personale, di quello che ci sarà da aspettarsi nell'anno a venire dal punto di vista della comunicazione online e di tutto ciò che gli gira intorno, per farsi così un'idea su quali saranno i canali da sfruttare maggiormente e soprattutto sul come fare a servirsene nel modo migliore, costruendo un piano di web marketing per il 2014 che sia altamente performante.

E così già dalla fine del 2013 i vari marketer e addetti ai lavori si sono prodigati a stilare le loro previsioni a medio e lungo raggio su cosa ci sarà di nuovo in questo 2014 e su quali canali vale la pena di investire in maniera un pò più consistente.

Anch'io non potevo esimermi certo da questo compito e così mi sono fatto una mia personale impressione su cosa valga la pena di considerare di più in questo nuovo anno e cosa magari sarebbe meglio di lasciare un attimo indietro per non disperdere troppe risorse e voglio condividere con te che mi leggi questa riflessione.

Stare al passo con tutti gli stravolgimenti che il web ci propone, partendo da Google e Facebook in primis, non è per niente facile, il pericolo di perdersi nell'universo di novità ed aggiornamenti è ogni giorno dietro l'angolo e così, onde evitare tutto questo ti dirò brevemente quello su cui mi concentrerò io maggiormente già da oggi.


1) Content Marketing: lo so cosa stai pensando, questa non è una novità, è una cosa detta e ridetta più volte nel corso dell'anno appena passato, sono d'accordo con te ma, è tremendamente sempre più attuale!

Ormai la creazione di contenuti di qualità è un requisito imprescindibile per una corretta strategia di web marketing nel 2014, gli ultimi algoritmi di Google ne sono una conferma evidente, se non pianifichi e non gestisci bene le tue risorse economiche ed umane, levati subito dalla testa di poter sfruttare il web in maniera proficua.

Questo è il primo punto attorno al quale, come vedrai fra poco, ruoteranno anche gran parte degli altri, quindi la leva principale sulla quale dover far leva sono proprio i contenuti che piacciono tanto ai motori di ricerca, capitanati da Google, i quali devono essere sia originali e di qualità che piuttosto "pesanti", nel senso di quantità.

Niente più testi ridondanti di parole inutili, keyword messe a caso per ingannare il motore, articoli di blog costituiti da 3 righe di testo con un modulo di contatto, la tendenza del 2014 vuole che qualità e quantità dei contenuti vadano a braccetto, sempre! 


2) Uman SEO: che il SEO diventerà sempre più "Uman", ne parlavo esattamente un anno fa e lo ribadisco con sempre più forza anche oggi, è finita l'era dei trucchetti, degli escamotage per falsare i risultati e forzare l'indicizzazione del tuo sito, i motori sono diventati troppo intelligenti per poter essere fregati così stupidamente, se l'hai pensato o fatto anche tu, rassegnati, oggi devi smettere e farlo adesso.

Si sente spesso dire che: "il SEO è morto", non è così e non sta nemmeno male, fare SEO è diventato semmai più difficile, quello si, c'è bisogno di una nuova sinergia fra vari componenti, che devono partire da una corretta stesura dei testi, come dicevo nel punto precedente, per poi espandersi nella maniera più naturale possibile, il che si traduce in una bella serrata all'acquisto di link, sostituita dalla ricerca degli stessi in maniera molto spontanea, senza inutili e dannose forzature.

Questa nuova tendenza ha fatto si di creare delle nuove figure nell'ambiente del web marketing, o meglio ancora, l'unione di più figure in un ruolo completo ed oggi essenziale per ogni azienda che vuole riuscire a posizionarsi al meglio sul web; il SEO Copywriter.

3) Google Plus: inizialmente snobbato dai più, me compreso, sarà la vera rivoluzione in ambiente social nel panorama web marketing del 2014, primo motivo fra tutti perchè i contenuti in esso pubblicati e condivisi influiranno sul posizionamento in SERP.

Questa era una cosa prevedibilissima fin dagli albori del debutto di BigG in ambiente social, ma c'è voluto un pò di tempo prima di essere trasformata in realtà, era impensabile che il motore di ricerca non facilitasse in qualche modo gli iscritti al suo social.

Il fenomeno social lo sappiamo bene tutti, fa sempre più parte del quotidiano, le varie piattaforme sono in continuo miglioramento per favorire i propri utenti a postare, condividere, intrecciare relazioni sempre maggiori fra i loro contatti, l'unico a sembrare in controtendenza pare Facebook, il quale dopo la tragica introduzione dell'ultimo algoritmo, ha ridotto drasticamente la visibilità dei post organici, vanificando gran parte degli sforzi impiegati dalle aziende per la gestione delle proprie pagine pubbliche.

Ora tutto ciò sembra fatto appositamente (e molto probabilmente è proprio così) per incentivare gli Ads, ossia la pubblicità a pagamento propria di Facebook, al caro Mark l'idea di social a quanto pare è un pò passata ed ha lasciato il posto solo all'obiettivo del mero profitto.

D'altra parte come dargli torto, un'azienda come Facebook, quotata in Borsa con risultati non troppo eccelsi, ha bisogno di essere notevolmente foraggiata per continuare la sua corsa, anche se personalmente credo che quella imboccata non sia esattamente una politica che possa premiare sul lungo periodo, ma questa è una mia opinione.

Fatto sta che tante aziende rimangono su Facebook perchè al momento continua ad essere il social più popolato specie in Italia ed è auspicabile che lo rimanga per parecchio tempo ancora, in ogni caso il considerare Google Plus come un social di nicchia per adesso lo ritengo solo un vantaggio, in quanto, meno utenti equivalgono a meno fesserie che si portano dietro, esattamente come accade ormai ovunque sul social network blu.

In ogni caso io mi sono ripromesso di "abitare" un pò di più il social di Google e allentare un pò la presa su Facebook e così consiglio anche alle aziende ed imprenditori miei clienti di fare altrettanto, Google Plus nel 2014 farà la differenza!

4) Mobile Responsive: sembra incredibile ma la metà delle aziende che mi sono trovato a seguire nell'ultimo anno non solo non aveva un sito ottimizzato per la versione mobile, non ne considerava nemmeno l'utilità.

Il proliferare di Smartphone e Tablet è ormai sotto gli occhi di tutti, uomini, donne, bambini, giovani e meno giovani, tutti stanno prendendo sempre più confidenza con questi nuovi dispositivi, perchè allora non realizzare siti fruibili alla perfezione da tali devices? 

Gli accessi ad internet da dispositivo mobile sono aumentati esponenzialmente nel 2013 e la tendenza è quella di un ulteriore crescita vertiginosa negli anni a venire, eppure tantissime, troppe aziende, continuano ad avere siti che non sono ben visibili da dispositivi mobili, ma soprattutto inusabili.

Oggi non ti puoi più permettere di pensare di adottare una strategia di comunicazione online non considerando la componente mobile, il web marketing nel 2014 sarà sempre più orientato al mobile, le persone cercano, leggono, si informano quando sono in giro, ma non solo, sono sempre più inclini a comprare da smartphone e tablet, non te ne dimenticare.

5) Immagini e Video: anche la multimedialità è un fattore toccato più volte nel corso degli ultimi anni, ma nel 2014 pare proprio che la tendenza a catturare l'attenzione dell'utente attraverso immagini e video, sarà un passaggio cruciale per ogni strategia di marketing online efficace.

D'altra parte si sa, il web è sempre più affollato e dispersivo, non è facile farsi notare e trasmettere qualcosa fin da subito, specie solo con le parole, le immagini invece sono in grado di accorciare l'operazione, essendo molto più immediate e di facile interpretazione, in sostanza sono elaborate molto più facilmente di un classico contenuto testuale.

I video poi, hanno avuto una notevole espansione nell'ultimo anno, se si considera che anche You Tube fa parte di Google ed è collegato a presa diretta con gli account GooglePlus il cerchio si chiude e non ti sarà difficile tirare le tue conclusioni.

Ci sarebbe ancora a parlare un bel pò, ma questi sono i primi 5 punti sui quali io credo si debba maggiormente investire nell'anno a venire, io almeno farò così, tu che idea ti sei fatto?

Paolo

http://www.freedigitalphotos.net